Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Dolori articolari: quali sono i rimedi naturali?

Come stanno le tue articolazioni? Spero bene…ma se così non fosse, puoi guardare il video alla fine dell’articolo (dura circa 2 minuti), nel quale ti spiego come mantenere sane le tue articolazioni con le Piante Officinali ed alcune sostanze naturali molto efficaci!

Una delle piante più efficaci per aiutare le tue articolazioni è l’Artiglio del diavolo o Harpagophytum procumbens. Il nome si deve alla forma della sua radice, che sembra proprio un artiglio diabolico. Appartiene alla famiglia delle Pedaliaceae, e cresce spontaneamente in Sud-Africa, ma ormai è coltivata un po’ ovunque.

Di questa pianta si usa la radice ad azione antinfiammatoria: la consiglio da sola o in mix con altre erbe benefiche (te la sconsiglio in infuso perché molto amara),

La sua azione è piuttosto veloce ed efficace nel ridurre il dolore: tra tutti i principi attivi in essa contenuti, l’Harpagoside sembra essere il più efficace nel ridurre l’infiammazione in caso di disturbi articolari.

L’Artiglio del diavolo è una pianta usata tradizionalmente per tutte le problematiche infiammatorie delle articolazioni, e la sua azione è ormai confermata da numerosi studi scientifici; si può usare per periodi lunghi e si ripete a cicli, di solito 2 volte all’anno.

Presenta una importante controindicazione: va assunta con cautela in caso di ulcera gastrica o duodenale

Un’altra pianta efficace nei dolori articolari è la Boswellia serrata o Olibano indiano: è un oleoresina estratta dalla corteccia dell’albero omonimo. 

La sua azione primaria si manifesta sul gonfiore articolare grazie all’acido boswellico in essa contenuto; il miglioramento è evidente nella flessibilità e nella capacità di percorrere camminando distanze sempre maggiori senza dolore articolare.

Per la sua azione antinfiammatoria, la Boswellia è usata anche nelle allergie primaverili, in combinazione con il Ribes nero.

Esiste una combinazione di Artiglio del diavolo e Boswellia serrata che puoi acquistare qui.

 La Curcuma longa è una pianta erbacea rizomatosa della famiglia delle Zingiberacee, il cui nome deriva dal sanscrito kunkuma, che viene impiegata anche in cucina come spezia. Originaria dell’India, la Curcuma longa contiene la curcumina, principio attivo con una spiccata azione antinfiammatoria, utile nel gonfiore articolare e nella rigidezza articolare del mattino. L’uso della Curcuma è abbastanza sicuro: occorre prestare attenzione in casi di ostruzione biliare in quanto l’olio essenziale di curcuma ha effetto coleretico e colagogo. A questo si aggiungano le recenti raccomandazioni circa l’utilizzo di estratti di curcuma in pazienti affetti da patologie epatiche.

Puoi acquistarla in capsule qui.

La combinazione di Boswellia , Artiglio del diavolo e Curcuma, è un ottimo aiuto per le problematiche articolari.

Esistono sostanze ugualmente efficaci per le tue articolazioni, e sono la Condroitina, la Glucosamina, l’Acido Ialuronico e il Metil Sulfonil Metano…tralasciando i nomi complicati, voglio dirti che queste sostanze sono tra le migliori alleate delle articolazioni perché creano un maggior spessore tra i vari snodi articolari, riducendo l’attrito, e così il dolore.

Anche lo stile alimentare è importante: la maggior parte dei nutrizionisti consiglia di evitare il più possibile alimenti infiammatori come la carne rossa, il latte e i derivati, e gli zuccheri industriali. Sappiamo infatti che questi alimenti hanno un’azione acidificante sui tessuti e ne aumentano l’infiammazione.

Bere acqua per idratare le articolazioni è un’altra regola fondamentale: il 3-4% del peso corporeo è la quantità di acqua consigliata (in litri) per il benessere delle giunture! L’acqua idrata la cartilagine, e riduce l’infiammazione.

L’esercizio fisico mirato, come ti consiglio, crea molti vantaggi: nel caso del ginocchio, ad esempio, il dolore può aumentare se il muscolo soprastante (il quadricipite) diminuisce di tonicità, in quanto il peso verrà scaricato in modo più diretto proprio su questa articolazione. È quindi consigliabile un’attività fisica mirata, con esercizi isometrici volti ad aumentare la massa magra (muscolo).

Con oggi è tutto: al prossimo articolo!

Milena Maddalena Affinito

The Herbalist Coach

Condividi questo post
LE BROCHURE TEMATICHE

Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente sulla tua email “Il mio metodo per sgonfiare l’intestino e ritrovare il buonumore” e “La guida alle tecniche di respirazione per gestire l’ansia e lo stress”…e altri esclusivi approfondimenti sui temi del benessere naturale

Scarica subito le guide gratuite

Iscriviti gratuitamente alla newsletter e ricevi le guide al benessere di The Herbalist Coach